Diagnosi Microbiologiche

Schermata 2013-06-03 a 20.24.13

Diagnosi Microbiologiche: Metodi

Nel campo delle diagnosi microbiologiche sui beni culturali è spesso necessario adottare contemporaneamente diversi metodi di prelievo e di analisi dei campioni, attraverso una procedura non invasiva in grado di preservare l’integrità dell’opera in esame. Biores è in grado di impiegare in modo flessibile le diverse metodologie, adattandole ai singoli casi.

 

Analisi microbiologiche ed entomologiche per disinfezione e disinfestazione libri

Diagnosi microbiologiche: Metodi di prelievo non invasivo 

biotape diagnosi microbiologiche diagnosi microbiologiche

Bio-Tape (Zefon) o Fungi-Tape (DID), sono entrambi delle strip adesive trasparenti a bassa adesività idonee per il prelievo non invasivo o semi invasivo di materiale aderente su superfici varie come tele, carta, pergamena, superfici murali. La trasparenza delle strip consente di visualizzare il campione direttamente con microscopi a trasmissione. Biores ha sviluppato anche un protocollo per l’estrazione di DNA dal Fungi-Tape (dalla tesi di Valeria Melloni). Possibile anche lo studio con il microscopio elettronico a scansione.

Tamponi sterili e piastre Rodac: sono i classici metodi semi quantitativi per l’analisi microbiologica delle superfici mediante coltivazione su substrati agarizzati (conta delle unità formanti colonie).

Reverse agar: Biores ha sviluppato un sistema innovativo per il prelievo non invasivo di superfici varie (purchè non troppo ricche in sali). Il reverse agar è un polimero trasparente che gellifica a temperatura ambiente (22-37° C) e si liquefà a bassa temperatura (4° C). Grazie a questa caratteristica il particolato raccolto con il gel può essere centrifugato a freddo (senza quindi danneggiare gli organismi presenti) e risospeso in una soluzione acquosa multiuso. Il campione può essere dunque processato mediante un approccio completo di diagnosi microbiologica che comprende l’analisi visiva al microscopio, l’analisi colturale, l’analisi del DNA, l’analisi enzimatica e fisiologica, ecc.

 

Diagnosi microbiologiche: Diagnosi visiva in situ e in laboratorio

Diagnosi microbiologicheDiagnosi microbiologicheDiagnosi microbiologiche

Attraverso l’uso di strumenti di micro-visualizzazione, quali microscopi ottica a luce riflessa o trasmessa (a luce bianca o fluorescente. Metodo Uni-Normal 92300) e microscopia elettronica a scansione, siamo in grado di valutare la natura biotica o abiotica di un materiale degradato, identificare tassonomicamente i microrganismi coinvolti nel degrado, valutare l’attività deteriogena in corso e determinare il livello di contaminazione sull’opera.

 

Diagnosi microbiologiche: Diagnosi colturale della popolazione biodeteriogena

Diagnosi microbiologiche Diagnosi microbiologiche Diagnosi microbiologiche

Queste diagnosi consentono di stimare la popolazione microbica vitale sulla superficie dell’ opera. Attraverso l’uso di terreni selettivi creati ad hoc è possibile isolare e studiare i biodeteriogeni specifici dei diversi materiali dell’opera. Siamo in grado di isolare e identificare popolazioni fungine, batteriche e algali.

Diagnosi microbiologiche: Diagnosi del bioaereosol

Diagnosi microbiologiche la_dia1 Senza titolo-1

L’analisi della composizione microbica aerea è di fondamentale importanza per stabilire il livello igienico sanitario in ambienti confinati. La determinzione quali-quantitativa di specie potenzialmente patogene per l’uomo consente di valutare il rischio biologico a cui sono sottoposti gli operatori e gli utenti di ambienti confinati (quali ad esempio musei, archivi, biblioteche ecc.). Oltre a questo servizio Biores è in grado di adattare l’analisi in un ottica di conservazione preventiva mediante l’utilizzo di terreni selettivi per i biodeteriogeni. il sistema di rilievo aereo utilizzato da Biores è sia di tipo attivo che passivo e permette di individuare anche i microrganismi non coltivabili sui normali substrati di crescita, mediante l’analisi diretta del DNA da campioni d’aria (metodo che prevede l’utilizzo della Bio-Pump e delle cassette Via-Cell della Zefon).

 

Diagnosi microbiologiche: Determinazione delle clorofille a, b e c mediante spettrofotometria UV/Vis

Diagnosi microbiologiche: alga

Attraverso questa analisi è possibile individuare la presenza e la vitalità di organismi fotosintetici (metodo UNI-Normal 10813), e a identificarli parzialmente dal punto di vista tassonomico (Cyanophyta, Chromophyta, Chlorophyta).

 

Diagnosi microbiologiche: Diagnosi con metodi biomolecolari

diagnosi microbiologiche

Effettuiamo riconoscimenti microbiologici a livello di specie mediante analisi del DNA, sia da colonia fungina, batterica, algale in coltura pura, sia direttamente da campioni ambientali provenienti da matrici complesse.

 

© 2019 Biores art   sito realizzato da Wiff Web Agency Roma